DOLP'S STUDIO Forlì - BATANI SELECT HOTEL Milano Marittima

5a EDIZIONE
PREMIO INTERNAZIONALE
CINQUE STELLE AL GIORNALISMO
PALACE HOTEL Milano Marittima 25 aprile 2010

5a EDIZIONE 2010
2010

VINCITORI EDIZIONE 2010

Biagio Agnes

Biagio Agnes

SCUOLA DI GIORNALISMO DI SALERNO
Le nuove leve del giornalismo italiano devono avere almeno tre requisiti: una solida formazione di base; un'onestà di fondo nello svolgimento del proprio lavoro; un'affidabilità nell'uso delle nuove tecnologie. La Scuola di giornalismo dell'Università di Salerno punta su quei tre elementi per formare ogni anno decine di aspiranti giornalisti ai quali propone lezioni frontali, attività di laboratorio, stage e percorsi di addestramento professionale in prestigiose testate cartacee, radiotelevisive e del mondo di internet.
Le recenti verifiche che l'Ordine nazionale dei giornalisti ha compiuto nelle scuole di giornalismo hanno evidenziato che quella di Salerno, sia negli insegnamenti scientifico-accademici che nelle attività di laboratorio, ha raggiunto livelli piu' che apprezzabili.
Per queste ragioni la giuria del Premio Cinque stelle al giornalismo ha deciso di assegnare quest'anno il prestigioso riconoscimento alla SCUOLA DI GIORNALISMO DI SALERNO
Ritira il Premio il Suo direttore, dott.Biagio Agnes, già direttore generale della Rai.
Marco Franzelli

Marco Franzelli

Il suo volto è associato ai più grandi eventi sportivi. Con il suo piglio rassicurante e la sua maestria nel reperire le notizie, Marco Franzelli ha il pregio di raccontare gli eventi con il giusto mix di partecipazione emotiva e fedeltà ai fatti.
Dalla Formula 1 alla Coppa del Mondo di sci, dalle Olimpiadi ai campionati di calcio, Marco Franzelli ha sin qui offerto al suo pubblico un'immediatezza narrativa e la possibilità di rivivere le emozioni che solo lo sport riesce a suscitare. Lo ha fatto con uno stile sobrio e in grado di coinvolgere con eguale intensità persone di tutte le estrazioni culturali e sociali.
Attualmente è capo della Redazione Società e Sport del Tg1. La sua straordinaria attitudine al racconto lo ha portato, altresì, a scrivere alcuni pregevolissimi e apprezzatissimi volumi nei quali ha immortalato eventi sportivi di eccezionale rilevanza.
Per questi ragguardevoli meriti professionali la giuria del Premio Cinque Stelle al giornalismo ha deciso di assegnare quest'anno il prestigioso riconoscimento a MARCO FRANZELLI.
Ilaria D'Amico

Ilaria D'Amico

Mai banale nelle esternazioni, sempre molto attenta al principio della par condicio e dell'equilibrio tra i singoli apporti culturali e punti di vista, Ilaria D'Amico è una giornalista tutta d'un pezzo. Refrattaria ai condizionamenti editoriali e ideologici, sa adattare i linguaggi televisivi alle diverse situazioni e riesce a farsi apprezzare per spirito di approfondimento e capacità d'analisi.
Molto seguite alcune sue inchieste condotte per “La 7” durante la trasmissione “Exit”, da lei curata ed egregiamente condotta. Certamente, nell'ambito del giornalismo sportivo, Ilaria D'Amico dà il meglio di sé. Come conduttrice di Sky Calcio Show, ha svelato le sue doti migliori di giornalista brillante e appassionata ma mai faziosa.
La curiosità intellettuale è tipica delle giornaliste piu' colte e raffinate. Ilaria D'Amico ne ha da vendere e non perde occasione per dimostrarlo, confezionando cronache e trasmissioni eccellenti e sempre ben documentate per “La 7” e Sky Sport, oltre che editoriali frizzanti e pungenti per La Gazzetta dello Sport.
E' per queste ragioni che la giuria del Premio Cinque Stelle al Giornalismo ha inteso assegnare quest'anno il prestigioso riconoscimento a ILARIA D'AMICO.
Gabriele Canè

Gabriele Canè

Scrupoloso vaglio delle fonti e obiettività nell'esposizione delle notizie. Nella sua più che trentennale carriera giornalistica, Gabriele Canè si è sempre ispirato a quei due valori, dimostrandosi un cronista corretto sul piano deontologico.
Ha diretto tutte le testate del gruppo Riffeser (Il Giorno, La Nazione, Il Resto del Carlino) e attualmente è condirettore del Quotidiano Nazionale. Nel suo glorioso “cursus honorum” vanno altresì annoverate esperienze come direttore editoriale del Tempo di Roma e responsabile della redazione bolognese del Giornale di Indro Montanelli.
Venticinque anni fa ha condotto su Italia 1 il primo settimanale televisivo di attualità ideato e trasmesso su una rete privata.
Per questo curriculum così ricco e per una testimonianza ineccepibile di correttezza deontologica, la Giuria del Premio Cinque stelle al giornalismo ha deciso di conferire quest'anno il Premio a GABRIELE CANE'.
Giorgio Mulè

Giorgio Mulè

E' raro che un giornalista abbia la versatilità per dirigere con eguali capacità testate della carta stampata e del settore radiotelevisivo. La dote piu' preziosa di Giorgio Mulè è forse questa: saper adattare le sue competenze professionali a mezzi d'informazione molto diversi tra loro. Come direttore di Studio Aperto, tra il 2007 e il 2009, ha dimostrato di saper fare cronaca in modo corretto catturando l'attenzione di un un pubblico prevalentemente giovanile, senza cedere alla tentazione di veicolare contenuti frivoli e seducenti, ma mettendo sempre al primo posto la qualità dell'informazione.
Attualmente, come direttore del settimanale Panorama, incarico che ricopre dal primo settembre 2009, sta coltivando in modo encomiabile una concezione multimediale del giornalismo, fondata sull'integrazione tra cartaceo e internet, proprio per esaltare le potenzialità dell'innovazione tecnologica e per coniugare il giornalismo d'inchiesta e di approfondimento con l'interattività insita nel giornalismo on-line. In questo senso, ne siamo certi, saprà rivelarsi un pioniere e un antesignano di nuove tendenze che il mondo dell'informazione lentamente ma inesorabilmente manifesta.
E' soprattutto per questi innegabili meriti professionali che la giuria del Premio Cinque Stelle al giornalismo ha deciso di assegnare quest'anno il prestigioso riconoscimento a GIORGIO MULE'.


QN Il giorno Il resto del carlino La nazione